Indipendentemente da quale festività si tratti noi italiani (ma come del resto in tutto il mondo) celebriamo le ricorrenze a base di pranzi e cenoni in compagnia; delle vere e proprie abbuffate.

La corsa ai banchi alimentari diventa frenetica, i mercati si riempiono di persone alla ricerca di prelibatezze da condividere, le botteghe invase e saccheggiate non riescono nemmeno a soddisfare l’intera domanda di mercato. Nel 2017 sotto le festività di Natale è stata stimata una spesa di oltre 2,5 miliardi di euro a tavola fra pranzi e cenoni.

Le festività immancabilmente ricche di appuntamenti culinari portano nelle nostre case e nei ristoranti della città: tradizioni, sapori, odori, delizie e ghiottonerie.

Ma dopo, quando tutto finisce e rimane il ricordo dell ozio tanto atteso, le nostre bilance avranno qualche kg in più da sopportare.

Il tempo a tavola si protrae per ore, l’attività fisica salta e spesso non si finisce di digerire un pasto che già se ne consuma un altro.

Inoltre i cibi ipercalorici che vengono consumati durante le feste sono ricchi di colesterolo, sodio, glutine, zuccheri industriali e farine raffinate, che provocano:

  • aumento non controllato di massa grassa;
  • gonfiore di stomaco;
  • accumulo di sostanze nocive.

Per esempio il pandoro, il panettone e il torrone sovraccaricano il lavoro di purificazione del fegato.

Anche io che ormai seguo la Paleodieta da più di 2 anni, durante le festività do uno strappo alla regola e mi concedo alcune delizie e ghiottonerie che normalmente il mio regime alimentare non prevede:

  • Pandori e panettoni vari
  • Nutella
  • Dolci
  • Vini e spumanti
  • E chi più ne ha più ne metta!

Ritrovare la forma dopo le feste (grazie alla dieta purificante) è essenziale per il nostro organismo, perché si evita l’accumulo cronico di grassi cattivi (colesterolo) e di sostanze in eccesso, che a lungo andare stravolgono il metabolismo così da compromettere la salute e il naturale peso corporeo.

Ma come si favorisce la purificazione corporea?

Dieta purificante - 2: quali sono gli alimenti da scegliere?

Quali sono gli alimenti che favoriscono il processo di purificazione corporea?

Senza dubbio la Paleodieta rappresenta il modo migliore e più naturale per disintossicarsi e ripulire l’organismo dalle scorie immagazzinate durante le festività.

Possiamo prendere spunto da una tipica giornata Paleo per capire quanto la dieta Paleolitica può essere determinante per ripristinare o creare una sana abitudine alimentare.

Se ancora non pratichi la Paleodieta ma senti che è la cosa giusta per te, questa potrebbe essere l’occasione per cambiare la qualità della tua alimentazione; i consigli di questo articolo ti aiuteranno a purificare il tuo corpo dagli eccessi immagazzinati.

Se già pratichi la Paleodieta troverai comunque qualche spunto interessante che può aiutarti a ripristinare le sane abitudini.

Ma vediamo subito quali sono i consigli principali per purificare l’organismo e tornare in forma dopo le feste!

LEGGI ANCHE: Suggerimenti pratici per iniziare una vita sana!

Dieta purificante: consigli (prima, durante e dopo le feste)

Prima delle festività:

  1. Mangiare sano e in maniera equilibrata i giorni che precedono le festività (magari integrando il digiuno intermittente a pranzo o a cena).

Durante le feste:

  1. Praticare il digiuno intermittente dopo un pasto festivo.
  2. Non mangiare la frutta dopo una grande abbuffata.

Dopo le feste:

  1. Consumare le verdure crude all’inizio del pasto. Perché le verdure contengono gli enzimi digestivi che servono appunto per processare i nutrienti. Inoltre gli alimenti crudi tendenzialmente vengono digeriti molto velocemente, quindi se ingeriti a fine pasto rimangono bloccati nell’intestino dagli altri alimenti (proteine, amidi, carboidrati) causando con ciò la disfunzione della flora digestiva (o meglio gonfiore di stomaco).
  2. Bere molta acqua (2 litri al giorno per favorire il drenaggio, ma anche per sentire meno l’appetito).
  3. Assaporare le 8 ricette brucia grassi (1 al giorno per 8 giorni).
  4. Non bere alcolici.
  5. Un po di fitness non farebbe male.

La dieta purificante per eliminare le tossine

Dieta purificante - 3 a base di frutta e verdura cruda

Uno unico scatto che raccoglie un mix di frutta e verdura cruda dalle proprietà antiossidanti e digestive.

Per eliminare le tossine dal corpo scegliete alimenti e bevande antiossidanti con proprietà depurative, ma allo stesso tempo con un buon valore energetico.

Il miele purifica l'organismo dalle tossine, stimola il metabolismo e la diuresi.

Più dell’oro, il miele è il giallo che cola! Protegge e disintossica il fegato, stimola l’apparato digerente e la diuresi renale.

  • Frutti di bosco (ricchi di molecole polifenoliche contrastano la produzione di radicali ad azione pro-ossidante).
  • Carote (preziose per mantenere in buona salute l’organo della vista e l’intestino).
  • Noci (gli acidi omega 3 contribuiscono a tenere sotto controllo il valore del colesterolo nel sangue. Combattono l’azione dei radicali liberi).
  • Miele biologico (composto da zuccheri semplici contiene enzimi, vitamine, oligominerali e sostanze simil-antibiotiche. Protegge e disintossica il fegato, stimola l’apparato digerente e la diuresi renale).
  • Mandorle (preziosa riserva di vitamina E, magnesio, ferro e calcio. Tra i semi oleosi sono quelli che vantano il più alto contenuto di fibre, ben il 12%. Abbassano il livello di colesterolo nel sangue, contribuendo alla salute di arterie e cuore).
  • Tè verde (concentrato di antiossidanti che stimola il metabolismo).
  • Tè alla menta (ricco di vitamine A, C e D depurativo e digestivo favorisce l’eliminazione delle tossine).
  • Infuso alle bacche di goji (ricche di omega 3 e omega 6 rinforzano l’apparato muscolare e rilasciano energia pura oltre a favorire il metabolismo).
  • Tisana al finocchio (facilita incredibilmente la digestione).
  • Tisana al tarassaco (forte azione purificante).
Tisana depurativa alla menta

Il semplice caldo abbraccio di una tisana alla menta biologica

Inoltre la dieta purificante deve basarsi sul consumo di alimenti di facile digestione e senza esagerare con le dosi:

  • carni bianche (per esempio il tacchino alla piastra o il pollo in tegame);
  • pesci bianchi (per esempio la sogliola in tegame o il merluzzo bollito);
  • spinaci con un cucchiaio di olio extra vergine Bio e limone.

Infatti gli spinaci contengono molti minerali e tanta clorofilla così da garantire funzioni depurative e lassative dell’organismo. La luteina, le vitamine A, B e C migliorano la salute generale e prevengono le malattie cardiovascolari.

Per una migliore assimilazione dei nutrienti si usa condire gli spinaci con il limone che grazie ai suoi acidi (acido ascorbico) aiuta l’assimilazione del ferro vegetale.

Infine non salare carni e verdure durante il regime depurativo. Preferire sempre carni grass-fed e verdure biologiche.

LEGGI ANCHE: Alimenti ricchi di antiossidanti che aiutano a contrastare l’invecchiamento!

2 Ricette bonus purificanti

Cocktail Brucia Grassi al limone, aceto di mele BIO e zenzero

Non c'è nulla di più purificante del limone che affoga nell'aceto di mele.

Pluf.. l’effetto di una fetta di limone che affoga nel distillato di mele Bio

  1. Lavare accuratamente il limone e lo zenzero BIO
  2. Eliminare le estremità del limone.
  3. Versare mezzo litro di acqua tiepida nella centrifuga.
  4. Aggiungere una tazzina da caffè di aceto di mele BIO.
  5. Versare nella centrifuga il limone e lo zenzero, quindi centrifugare il tutto.
  6. Bere preferibilmente nell’arco di 15 minuti (tuttavia il limone riesce a mantenere intatte tutti i valori delle sostanze nutritive fino a 2 ore dalla preparazione i un contenitore di vetro chiuso).

Questo centrifugato brucia grassi BIO dall’effetto purificante è una vera forza della natura!

  •  Il limone non è solo un alimento ma piuttosto un vero e proprio rimedio naturale, considerato già in antichità una pianta sacra per le proprietà dei suoi frutti:

Il frutto giallo era di casa nell’antica Persia. Quando Alessandro Magno lo vide, se ne invaghì e lo portò in Europa. Da quel momento la storia del Mediterraneo si Tinge di giallo. (Licia Granello)

  • L’aceto di mele biologico è alcalinizzante e antiossidante. La pectina è un potente disintossicante per l’organismo (ottimo per una dieta purificante)
  • Lo zenzero (antistaminico e antisettico) contiene proprietà antinfiammatorie e digestive utili per il recupero purificante.
Lo zenzero è una radice magica dalle forti proprietà purificanti

Didascalia: Vista così questa radice di zenzero sembra quasi un cactus del deserto.

La bevanda va sorseggiata preferibilmente tiepida senza aggiunta di zuccheri!

Se desideri puoi aggiungere un cucchiaio di miele BIO per addolcire il sapore aspro e acido degli ingredienti.

Succo Detox: limonato di prezzemolo & spinaci BIO

Tutta la freschezza purificante del verde in un magico cocktail agli spinaci.

Tutta la freschezza del verde in un cocktail purificante agli spinaci.

  1. Lavare accuratamente tutti gli ingredienti BIO (spinaci, prezzemolo, radice curcuma, radice zenzero, limone).
  2. Eliminare gli scarti (le estremità del limone).
  3. Aggiungere gli ingredienti selezionati nella centrifuga (300g spinaci, 60g prezzemolo, 1 limone, radici di zenzero e curcuma [QB]. Quindi centrifugare il tutto.
  4. Bere preferibilmente nell’arco di 15 minuti (tuttavia il limone riesce a mantenere intatte tutti i valori delle sostanze nutritive fino a 2 ore dalla preparazione i un contenitore di vetro chiuso).

A gradimento si può aggiungere un arancia (spremuta) per addolcire il sapore vivo degli spinaci.

Le proprietà degli spinaci e del prezzemolo rendono questa ricetta una vera reliquia della salute.

Il prezzemolo (o meglio Pietra Sedano, tradotto dal latino) è un’erba aromatica considerata sacra fin dall’antichità. Un erba resistente che cresce spontanea tra una  roccia e l’altra, diventa ingrediente da cucina solo nel tardo medioevo, quando fino ad allora veniva utilizzata quasi esclusivamente in campo medico. La pianta magica di origine (secondo i libri di botanica) contrastante; si dice che provenga dalla antica Sardegna, l’isola dei Nuraghi che per migliaia di anni ha ospitato i nostri antichi antenati Paleolitici. Come dicevano gli Etruschi: “un unguento miracoloso”.

Gli spinaci conosciuti fin dall’antichità nell’oriente asiatico, furono esportati dagli arabi in Europa intorno all’anno 1000 e proseguirono il loro viaggio nel 1500 verso la conquista dell’America. Ecco come una pianta sacra di origine orientale è riuscita a colonizzare il mondo intero grazie al suo gusto semplice e delicato ma ancor di più per le sue proprietà benefiche-depurative (ottimi per una dieta purificante).

La curcuma (Curcuma longa – Zingiberaceae) è un’antica pianta spontanea di origine asiatica meridionale (dall’India alla Malesia), si sviluppa e cresce in condizioni tropicali, caratterizzate da forti piogge e temperature che raggiungono anche 35 gradi. La radice (cilindrica e ramificata, di colore giallo o arancione) conosciuta da sempre per le sue proprietà benefiche e curative costituisce il sacro nettare della pianta. Depurativa, coleretica e colagoga è un forte epatoprotettore, stimolante delle vie biliari (fluidifica il sangue) e antiossidante in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi.

Inoltre la radice di curcuma possiede forti proprietà antitumorali, nello specifico la curcuma digerita può bloccare la produzione dell’enzima ritenuto responsabile per lo sviluppo di diversi tipi di cancro.

Infine viene tuttora utilizzata in campo medico (a livello topico) per la cicatrizzazione naturale delle ferite (abrasioni, tagli e ustioni).

Una pianta a tutto tondo se pensiamo anche al suo utilizzo come colorante alimentare naturale o piuttosto come colorante estetico naturale (per la cura del corpo e dei capelli).

Quali sono le tue impressioni? Sei in Paleo da molto tempo? Pratichi la dieta purificante dopo le festività?

Lascia un commento sotto questo articolo..

Sarò felicissimo di dialogare con te.

Alla tua migliore forma di SEMPRE!

Massimo